Il reddito di cittadinanza potrebbe essere “caricato” sulla tessera sanitaria e speso solo in Italia, in modo da far rimanere quello che esce dalle tasche dello Stato all’interno dei confini nazionali per far crescere i consumi e dare una spinta all’economia. Luigi Di Maio ha cominciato delineare il sostegno bandiera dei 5 Stelle, pronto a viaggiare su strumenti tecnologici e totalmente tracciabili. Per garantire un assegno da massimo 780 euro al mese, che potrebbe partire da metà marzo, forse inizio aprile, il tempo necessario, secondo i pentastellati, per riformare e rafforzare i centri per l’impiego, lo stanziamento dovrebbe essere di 10 miliardi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Monti contro tutti: “Renzi? Critica questa manovra ma voleva un deficit del 2,9. Giorgetti? Il pareggio di bilancio lo votò”

prev
Articolo Successivo

Razzi: “Al 99,9% passo alla Lega, Matteo sa quanto valgo. Con Berlusconi non sono incazzato, sono avvelenato”

next