Ogni anno attraverso Ventimiglia passano decine di migliaia di persone migranti. Cercano tutti di arrivare in Francia, per raggiungere familiari o conoscenti. Non è facile valicare quel confine, dopo gli accordi di Chambéry che prevedono che gli immigrati irregolari provenienti dall’Italia vengano fermati in Francia e rimandati oltre confine. Per questo a Ventimiglia i migranti rimangono bloccati, in un limbo che diventa un incubo.

Il bar Hobbit di Delia Buonuomo però, in questo contesto è diventato l’anima della solidarietà di Ventimiglia. Delia da anni invita ad entrare nel suo bar i migranti: offre loro un pasto caldo a chi non mangia da giorni. La solidarietà di Delia non è passata inosservata agli intolleranti. Da tempo continuano infatti gli insulti, le aggressioni e gli atti vandalici ai danni del bar e di Delia, nonché ovviamente, il boicottaggio.

Su GoFundMe, la piattaforma di crowdfunding, è stata lanciata una campagna per finanziare le attività del bar e non permettere la scomparsa di “uno dei pochi luoghi di umanità e solidarietà che resistono a Ventimiglia”. “Aiutateci a sostenere Delia – chiedono gli organizzatori nella loro pagina – e a continuare il suo progetto di solidarietà attiva: ogni donazione, anche piccola, ci aiuta a comprare cibo, acqua, bevande e a coprire le spese del bar”.

Delia, soprannominata “Mamma Africa” è diventata un punto di riferimento per i transitanti ma anche per i volontari e le organizzazioni solidali: nel suo bar oggi si distribuiscono vestiti e scarpe, si decifrano documenti, si cercano alloggi temporanei.

Al bar Hobbit si possono caricare i cellulari e si può utilizzare il bagno (attrezzato di spazzolini, dentifricio, sapone, pannolini, assorbenti e fasciatoio) senza obbligo di consumazione. I bambini hanno un angolo tutto loro, che Delia ha creato raccogliendo giocattoli usati. Il bar è spesso l’unico rifugio per i più vulnerabili, donne incinte, minori, vittime di tratta.

Il bar Hobbit è centrale eppure “da ormai tre anni i clienti non entrano – racconta Delia – Solo perché faccio entrare tutti e do una mano a chi ha bisogno. Sono stata insultata e boicottata da chi passava di qua e vedeva qualche ragazzo nero fuori o al bancone. Oggi rischio di chiudere. Ho problemi di salute e andare avanti è faticoso”. L’isolamento e la perdita della clientela hanno spinto il bar in una situazione economica sempre più grave. Delia non è più in grado di sostenere le spese ed è stata costretta suo malgrado a mettere il bar in vendita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sla, la giornata nazionale contro la malattia. 300 volontari in 150 piazze d’Italia

prev
Articolo Successivo

“Perché tutti vogliono salvare queste profughe?”. La gara di solidarietà dopo lo “sbarco” delle norvegesi. La satira di Jacopo Fo

next