“Sulla strage di via d’Amelio siamo a un passo dalla verità. Mai come ora siamo vicini alla verità. E questo grazie a me e ad altri magistrati”. Questo è quanto rivendicato dal pm Nino Di Matteo nell’audizione di fronte alla prima Commissione del Consiglio superiore della magistratura nell’ambito dell’istruttoria sulla strage di Via D’Amelio. “Non è giusto che questi magistrati siano oggi accostati a depistaggi e questa accusa è strumentale a chi non vuole che si vada avanti”, ha aggiunto.

Non senza ricordare i “prezzi altissimi” pagati da lui stesso e dai suoi familiari per l’accertamento della verità.In merito alla vicenda Scarantino, Di Matteo ha rivendicato: “Il pericolo che io intravedo oggi è che tutto il dibattito si concentri solo sulla gestione del falso pentito Scarantino. Gli elementi che abbiamo oggi portano a circostanze che potrebbero essere chiarite in via definitiva”, ha detto Di Matteo, che rappresentò l’accusa l’accusa nel cosiddetto Borsellino ter. Si è difeso: “Il primo processo Borsellino non l’ho seguito io e del bis mi sono occupato solo della fase dibattimentale. E non è vero che quel processo é basato solo sulle dichiarazioni di Scarantino”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Savona, accusato di aver augurato lo stupro a Laura Boldrini. Sindaco leghista minimizza: “Critica politica”

next
Articolo Successivo

Processo Maroni, motivazioni: ‘Si adoperò per un incarico a Carluccio’. Gli sms alla Paturzo: ‘Io e te soli… bacini everywhere’

next