Succede spesso di continuare a fare le cose che si sono sempre fatte, senza sapere perché. Su questo, mi viene in mente Primo Levi nel suo Il sistema periodico dove racconta come in un’industria si fosse continuato a lungo a far bollire le vernici sintetiche moderne secondo una vecchia procedura tradizionale. Purtroppo, non sapevano che così facendo generavano vapori cancerogeni. Certe volte, seguire le vecchie tradizioni può essere mortale.

Senza esagerare, mi sa che una di queste cose che si continuano a fare senza sapere perché è l’ora legale. L’idea di spostare in avanti le lancette dell’orologio in estate è ormai vecchia di buoni cento anni: si cominciò a usarla durante la Prima guerra mondiale con l’idea di risparmiare energia elettrica. Ma, cento anni fa, l’illuminazione artificiale era inefficiente ed era anche una delle voci più importanti dei consumi energetici. Oggi, le cose sono molto cambiate. Con i moderni ed efficienti sistemi di illuminazione, serve ancora a qualcosa l’ora legale?

Vediamo di fare un po’ di conti. Secondo Terna, il risparmio di energia portato dall’ora legale nel 2017 è stato circa 567 GWh. Personalmente ho dei forti dubbi sulla validità di questo calcolo, sicuramente basato su assunti piuttosto arbitrari. Peraltro, mi sembra che ci sia anche una certa logica in questi valori, dato che vediamo come il risparmio tende a calare con gli anni, riflettendo la sempre maggiore efficienza dell’illuminazione artificiale.

Così, diamo per buona questa stima fatta da Terna. Il gioco vale la lampadina? Il fabbisogno totale di energia elettrica in Italia nel 2017 è stato di circa 320.000 GWh. Ne consegue che tutto l’ambaradan di cambiare orario due volte l’anno riduce i consumi di meno dello 0,2%. Ammazza che risparmio!

In pratica, se vogliamo veramente risparmiare energia elettrica, ci sono modi ben più efficaci dell’ora legale: dalle lampadine ad alta efficienza a quello, anche più semplice, di spegnere la luce quando non ce n’è bisogno. Per non parlare poi del fatto che solo di energia rinnovabile produciamo 200 volte tanto di quanto l’ora legale ci fa (ipoteticamente) risparmiare! .

E quindi, per una volta, la Commissione europea sembra aver deciso di fare una cosa giusta. In realtà, l’idea non è quella di abolire l’ora legale, ma piuttosto di mantenerla tutto l’anno senza tornare a quella solare. Se lo chiedete a me, io sarei per evitare del tutto questi trucchetti da quattro soldi e rimanere con l’ora “naturale,” quella determinata dal sole. Ma, perlomeno, eliminare il cambio di orario è una bega di meno fra le tante che i governi ci impongono.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Al mare solo turismo ‘straccione’. E se i Comuni educassero i bagnanti?

prev
Articolo Successivo

5G e rischi, come difendersi dalle nuove antenne che riempiranno (anche) i nostri parchi

next