Sono stata io e lo rifarei“. Rain Dove ha confessato su Twitter di essere stata lei a diffondere la conversazione privata in cui Asia Argento ammetteva di aver fatto sesso con l’allora minorenne Jimmy Bennet. La modella 27enne americana, è la compagna di Rose McGowan, che con Asia Argento ha dato vita al movimento #MeToo dopo le rivelazione delle molestie di Harvey Weinstein. Tutt’altro che pentita, Rain Dove si è lasciata andare ad una lunga conversazione con alcuni followers a cui ha rivelato di essere stata lei a girare alla alla polizia lo scambio di messaggi  pubblicati da Tmz in cui l’attrice italiana ammetteva di essere andata a letto con Jimmy Bennett. Non solo, ha detto anche che è stato lo stesso Bennett a vendere alla testata scandalistica per 28 mila dollari il selfie a letto con Asia Argento.

La decisione di venire allo scoperto, racconta, l’ha maturata dopo aver assistito alle accuse sempre più insistenti nei confronti della compagna McGowan: “Non ne potevo più di vedere la mia compagna accusata di aver tradito la fiducia di Asia. Sono stata io”. Tutto è iniziato poche ore dopo la pubblicazione dello scoop del New York Times, secondo cui sia Argento avrebbe promesso 380 mila dollari all’ex-attore Jimmy Bennett, in cambio del suo silenzio su un rapporto sessuale avuto quando lui era ancora minorenne. La notizia fa il giro del mondo. Asia Argento, paladina del #MeToo e grande accusatrice del produttore Harvey Weinstein, pubblica un comunicato ufficiale in cui ammette il pagamento, ma nega di aver mai fatto sesso con Bennett.

Poche ore dopo, Asia scrive a Rain Dove: “Ha iniziato lei la conversazione, chiedendo il mio aiuto e dichiarandosi innocente“, scrive la modella su Twitter. “Io ho iniziato a chiederle tutte le prove che aveva a disposizione per difendersi”: emerge così che Asia è andata davvero a letto con Bennett, commettendo un reato. Nello scambio di messaggi, la Dove suggerisce all’attrice di trovare i documenti bancari che certifichino che a fare il bonifico al ragazzo fosse stato il suo compagno di allora Anthony Bourdain e di trovare prove che dimostrassero che lei si fosse opposta alle avance di Bennett. “Asia, per la legge della California, aveva commesso uno stupro. Aveva violato le leggi sulla pornografia minorile, ricevendo immagini di nudo da Bennett senza mai bloccarlo o denunciarlo. E continuava a dire che era il New York Times a mentire. È stato ripugnante vedere qualcuno che confessa molteplici crimini e poi negarli pubblicamente”dice ancora Rain ai followers. “La giustizia vale di più. Se qualcuno mi confessa un reato, io informo gli investigatori. Non capisco perché sia così difficile da capire” conclude.

Quando ha visto gli screenshot dei suoi messaggi pubblicati da Tmz, Asia ha subito scritto a Rain: “Sei un mostro” si legge in un sms che la modella pubblica ora su Twitter.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Romy Schneider, l’intervista inedita all’interprete della principessa Sissi: “Mia madre andò a letto con Adolf Hitler”

prev
Articolo Successivo

Rose McGowan scarica Asia Argento: “Eri mia amica, ti volevo bene. Ora sii onesta”

next