Prosegue l’Ecofuturo Festival 2018, giunto alla sua quinta edizione, in programma a Padova dal 18 al 22 luglio. Al centro della 4 giorni di dibattiti, incontri e spettacoli, la tecnologia applicata nell’ambiente e tutte le opportunità per un futuro sostenibile. “La CO2 va pensata in modo più olistico – ha detto Davide Sabbadin di Legambiente Veneto – perché può essere considerata come materia prima, per esempio nei processi industriali di raffreddamento o per far crescere i pomodorini nelle serre”. “Presentiamo le nuove tecnologie per rendere più sicure le case e gli edifici pubblici dai terremoti – ha spiegato Jacopo Fo, cofondatore di Ecofuturo – sono strumenti italiani in grado, per esempio, di dissipare le scosse telluriche”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La mappa delle inondazioni, i comuni a rischio: entro il 2100 l’Italia potrebbe perdere oltre 5mila km di pianura

next
Articolo Successivo

Ecofuturo 2018, il festival sulle tecnologie applicate all’ambiente: “Così si può creare mobilità sostenibile”

next