Una 12enne affetta da autismo è sparita giovedì a Serle nel Bresciano. La giovane era con altri ragazzi disabili e con gli operatori della fondazione Fobap, Fondazione bresciana assistenza psicodisabili, quando si è allontanata durante una passeggiata. La bambina, di origine pakistana, è vestita con dei pantaloni a fiori e una maglia gialla. Nella zona boschiva dove si è persa ci sono 22 chilometri di grotte.

Le ricerche sono cominciate nel pomeriggio e sono andate avanti per tutta la notte. Impegnate per il suo ritrovamento oltre duecento persone tra Vigili del fuoco, Carabinieri, Soccorso alpino, Protezione civile e volontari. Al buio le ricerche sono proseguite con l’utilizzo di droni per la rilevazione termica e con gli elicotteri dell’Aeronautica, ma la bambina non è stata ancora ritrovata.

“Non era mai successo che si allontanasse. Forse l’ultima volta quando aveva quattro anni”, ha spiegato il padre. La 12enne è la prima di quattro figli e oltre a lei anche un fratellino è affetto da autismo. Le ricerche via terra sono riprese questa mattina alle sei e trenta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Piacenza, barista stuprata per ore nel suo locale dopo essere stata imbavagliata. Fermato a Milano il sospetto

next