“Quello che conta oggi è questo voto. E nella storia di questa città rimarrà questo voto e voi siete chiamati a votare sì, no, forse o scappare dall’aula. La maggioranza c’è, c’era già lunedì… la delibera aveva già 21 firme. Giustamente in quest’aula sono state poste delle questioni e abbiamo preso ancora del tempo, abbiamo cercato di mediare e abbiamo fatto delle proposte migliorative, a nostro avviso. Ora però non ci sono più scuse e quello che rimarrà agli atti di questo verbale sarà il voto di oggi perché la delibera che andrà al Coni e quella di oggi.” È l’appello che la sindaca di Torino, Chiara Appendino, ha rivolto all’opposizione in Consiglio comunale prima del voto della delibera sulla candidatura della città alle Olimpiadi del 2026.
Il Consiglio approverà il documento senza l’unanimità: 22 voti a favore (M5s e Noi con l’Italia), 8 astenuti (Pd, Moderati, Lista Civica per Torino e Lista Civica Morano) e un contrario (Uscita di Sicurezza). Assenti le grilline Daniela Albano e Marina Pollicino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Decreto dignità, Boccia: “Da Di Maio parole ingenerose. Condividiamo fini ma critichiamo strumenti”

prev
Articolo Successivo

M5s, così va il mondo: un terzo di merito, un terzo di buoni rapporti e un terzo di fortuna

next