“Io chiedo che la legge sugli eco delitti del 2015 venga tagliandata. Bisogna andare oltre e chiedo il daspo ambientale. Chi ha inquinato se ne vada dalle nostre terre. Inoltre chiedo trasformare alcuni reati ambientali da reati contravvenzionali a delitti. La terza cosa che chiedo è che chi inquina deve pagare. Andiamoci a prendere i beni con il sistema di confisca dello Stato che si applica ai mafiosi. Voglio che si applichi anche agli eco mafiosi che per me non sono solo quelli che si sono associati ad un clan ma anche quelli che hanno inquinato le nostre terre”. Così il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa durante la conferenza stampa di presentazione del Decreto Terra dei Fuochi, illustrato a Casa Don Diana , in occasione del premio intitolato a Don Peppe Diana

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I pesticidi causano obesità e diabete. Cos’è l’effetto ‘cocktail’ e perché è pericoloso

next
Articolo Successivo

Liguria, le navi inquinano quanto delle centrali a carbone. Dobbiamo intervenire

next