“Se ho ricevuto i Free Vax al Viminale? E’ stato un incontro privato con amici e colleghi che conosco da 15 anni”. Il sottosegretario M5s agli Interni e medico Luigi Gaetti, insieme alla senatrice grillina Enza Blundo, ha confermato a ilfattoquotidiano.it di aver ricevuto nel suo ufficio il gruppo di attivisti contrari all’obbligatorietà vaccinale. Tra loro anche Dario Miedico, medico radiato dall’ordine di Milano a maggio scorso con l’accusa di avere posizioni No Vax. “Come cittadino”, ha dichiarato, “posso incontrare chi ritengo opportuno e vista la natura privata del colloquio non sono tenuto a dire di cosa si è parlato”. Comunque, “non abbiamo affrontato solo il tema dei vaccini, ma anche ad esempio quello dei finanziamenti alla sanità”. Quel faccia a faccia privato di circa 50 minuti nel pomeriggio del 21 giugno è però diventato pubblico non appena i membri della delegazione hanno scritto un post su Facebook per ringraziare Gaetti della “disponibilità e dell’apertura mentale”. “Il percorso”, hanno scritto sulla pagina Radio informazione libera, “per raggiungere l’obiettivo è difficile ed irto di pericoli ma, con il vostro supporto, possiamo farcela”.

Per Gaetti la scelta del luogo è casuale: “Abbiamo deciso di vederci nel mio ufficio perché faceva caldo e non avevamo molto tempo. Sono colleghi che conosco da quindici anni, era un po’ di tempo che non ci vedevamo, si trovavano a Roma e ci siamo incontrati per scambiarci un po’ di idee”. Ma la delegazione non ha presentato istanze perché fossero riferite alla ministra della Salute Giulia Grillo? “No, non era questo l’obiettivo del colloquio e non è questo il mio compito”. Effettivamente Gaetti è appena stato nominato sottosegretario all’Interno e proprio oggi la collega ministra ha ribadito che “il tema va discusso dal ministero della Salute”. Segno che non sono gradite invasioni di campo. La posizione di Gaetti è comunque quella condivisa dai 5 stelle, ovvero “i vaccini vanno fatti”, ma meglio lavorare sulle raccomandazioni piuttosto che sull’obbligatorietà. Quindi, come dice Grillo, “la legge va rivista”. “I miei figli sono entrambi vaccinati. Non è questo il punto”, ha continuato Gaetti. Nella delegazione arrivata al Viminale c’era pure il medico radiato per le sue posizioni contrarie all’obbligo Dario Miedico. Nessun imbarazzo per la sua presenza? “La sua situazione è in itinere”, ha chiuso Gaetti. “E poi ripeto. E’ un collega che conosco da quindici anni ed era un incontro privato. Non sono tenuto ad aggiungere altro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vaccini, incursione di Salvini. La Grillo risponde: “Polemiche strumentali, tema va discusso dal ministero della Salute”

prev
Articolo Successivo

Oltre il M5s, un progetto di rottura non può passare per falsi profeti

next