A censire i campi rom in Italia nel 2008 ci provò Roberto Maroni, allora Ministro degli Interni. Ora è il turno di Matteo Salvini. Tar del Lazio, Consiglio di Stato e Parlamento Europeo all’epoca ritennero illegittime le misure e ‘insussistente l’emergenza nomadi’ in Italia, specie riguardo ai regolari cittadini in possesso di documento di identità. Salvini riprende ora in mano la questione e parla di ricognizione sulla comunità rom, chiede di “vedere chi, come, quanti sono. Facciamo un’anagrafe”. Espulsione con accordi fra Stati per gli irregolari, ma “i rom italiani purtroppo te li devi tenere a casa”. Sono circa 120 mila i cittadini di origine rom e sinti in Italia, oltre 20 mila dei quali vivono in emergenza abitativa in baraccopoli formali, gestiti dalle amministrazioni locali, e informali, i cosiddetti ‘campi abusivi’. Giorgio e Goffredo Bezzecchi, dal campo di via Impastato di Milano raccontano cosa vuol dire essere zingari nell’Italia giallo – verde.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Censimento Rom: “Salvini ci scheda? Molti provano a sbatterci fuori ma siamo già controllati”

prev
Articolo Successivo

Papa: “I populisti creano la psicosi sull’immigrazione. Paura non impedisca di accogliere il prossimo”

next