A censire i campi rom in Italia nel 2008 ci provò Roberto Maroni, allora Ministro degli Interni. Ora è il turno di Matteo Salvini. Tar del Lazio, Consiglio di Stato e Parlamento Europeo all’epoca ritennero illegittime le misure e ‘insussistente l’emergenza nomadi’ in Italia, specie riguardo ai regolari cittadini in possesso di documento di identità. Salvini riprende ora in mano la questione e parla di ricognizione sulla comunità rom, chiede di “vedere chi, come, quanti sono. Facciamo un’anagrafe”. Espulsione con accordi fra Stati per gli irregolari, ma “i rom italiani purtroppo te li devi tenere a casa”. Sono circa 120 mila i cittadini di origine rom e sinti in Italia, oltre 20 mila dei quali vivono in emergenza abitativa in baraccopoli formali, gestiti dalle amministrazioni locali, e informali, i cosiddetti ‘campi abusivi’. Giorgio e Goffredo Bezzecchi, dal campo di via Impastato di Milano raccontano cosa vuol dire essere zingari nell’Italia giallo – verde.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Censimento Rom: “Salvini ci scheda? Molti provano a sbatterci fuori ma siamo già controllati”

next
Articolo Successivo

Papa: “I populisti creano la psicosi sull’immigrazione. Paura non impedisca di accogliere il prossimo”

next