Ci si aspettava i fuochi d’artificio per il primo grande match dei Mondiali di Russia 2018, in un girone che attualmente vede sorprendentemente in testa l’Iran. E le aspettative non sono state tradite: è finita 3 a 3 fra Portogallo e Spagna, dopo una partita ricchissima di colpi di scena e un botta e risposta finito solo all’88esimo minuto con il gol del pareggio di Cristiano Ronaldo. L’attaccante del Real Madrid esordisce così al Mondiale, con una tripletta che vuole ricordare a tutti (come se ce ne fosse bisogno) di che pasta è fatto.

Allo Stadio Olimpico di Sochi il Portogallo è andato in vantaggio già nei primi minuti con un rigore segnato da CR7 su fallo di Nacho. Ma la Roja ha reagito – nonostante il terremoto vissuto in panchina negli ultimi giorni – e si è portata in pareggio con un gol di Diego Costa. Galvanizzata dal rientro in gara, sfiora il bis con Isco che colpisce la traversa. Al 44esimo, però, è sempre Ronaldo a riportare in vantaggio i suoi con un tiro dal limite dell’area sfuggito clamorosamente dalle mani del portiere spagnolo David de Gea. Un tallonamento continuo, quello fra le due rivali, che lascia intendere una sfida ad altissima tensione anche per il secondo tempo.

Sono bastati 3 minuti dalla ripresa, infatti, per riportare la Spagna in parità con la doppietta di Diego Costa. E subito dopo è Nacho a mettere sotto pressione i portoghesi, con un gol dalla distanza che permette alla Spagna di vedere la vittoria. Peccato che, a due minuti dalla fine, Cristiano Ronaldo firma la sua terza magia: gol del pareggio a due minuti dalla fine. Uno di quei tiri che soltanto i campioni sanno fare, in un momento di grande difficoltà, e che portano l’attaccante del Real a quota 88 gol con la maglia della Nazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali Russia 2018 / Matrioska – L’inutile giochino del “io tifo per” e il terzomondismo d’accatto tutto italiano

next
Articolo Successivo

Mondiali Russia 2018, Francia-Australia 2-1: l’esordio dei Blues è un flop, ma Var e Pogba regalano i tre punti

next