La Spagna cambia allenatore alla vigilia dell’inizio dei Mondiali di Russia 2018. Il presidente della Federcalcio iberica, Luis Rubiales, ha annunciato in conferenza stampa l’esonero del tecnico Julen Lopetegui, dopo l’annuncio arrivato martedì dell’accordo trovato dall’allenatore con il Real Madrid per la prossima stagione.  “Ci vediamo obbligati a rescindere il contratto con il selezionatore tecnico”, ha detto Rubiales. La Spagna scenderà in campo già venerdì per la gara chiave del suo girone, quella contro il Portogallo. La panchina è stata assegnata a Fernando Hierro,  direttore tecnico della Nazionale. L’ex centrocampista del Real Madrid, classe 1968, da allenatore è stato secondo di Carlo Ancelotti sulla panchina dei Blancos e ha allenato l’Oviedo.

La federazione spagnola non ha gradito le tempistiche dell’annuncio del passaggio di Lopetegui al posto di Zinedine Zidane sulla panchina madrilena. E ha considerato la mossa quasi un tradimento, tanto da optare per la soluzione più estrema “per il bene della Spagna”, ha commentato Rubiales. Il numero uno del calcio iberico aveva rinnovato il contratto di Lopetegui fino al 2020 appena due settimane fa: per questo non ha digerito la scelta del c.t. di lasciare senza nemmeno un preavviso. A sorpresa quindi l’erede di Zidane lascia la Russia e dovrà da subito concentrarsi sulla nuova sfida a Madrid. E la Nazionale cambia guida tecnica alla vigilia della Coppa del Mondo, nonostante alcuni giocatori e in testa Sergio Ramos, avessero chiesto che venisse preservata la continuità. “Non avevamo scelta – ha detto Rubiales – ci hanno informato a cose fatte, 5 minuti prima dell’annuncio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali Russia 2018, l’Iran si ritrova senza scarpini: Nike ritira la fornitura dopo le sanzioni di Trump

next
Articolo Successivo

Mondiali 2026 assegnati a Usa, Messico e Canada: il pallone prova a riunire ciò che muri e dazi hanno diviso

next