Luca Guadagnino piace alla gente. Che lo premia a furor di popolo per il suo bellissimo Chiamami col tuo nome con Ciak d’oro come miglior film. Ma non solo: all’opera candidata all’’Oscar del regista italiano vanno anche il Ciak per il miglior montaggio e miglior manifesto. Insomma, un ottimo bottino per un autore fino allo scorso anno poco amato in patria e senz’altro meglio apprezzato altrove: ma si sa, la parola Oscar pesa molto nelle orecchie della massa critica, figuriamoci in quelle delle giurie popolari.

Con Guadagnino a trionfare però sono anche i Manetti bros, vincitori di ben cinque Ciak fra classici e “innovativi”: il loro Ammore e Malavita dopo aver concorso alla Mostra veneziana e aver trionfato ai David di Donatello si è aggiudicato il premio per la miglior regia, colonna sonora, canzone originale, attrice non protagonista (Claudia Gerini) e – dulcis in fundo – il Ciak “Colpo di fulmine” a Serena Rossi. La splendida attrice e cantante resa famosa grazie ai musical teatrali interpretati ha avuto evidentemente bisogno di un “ciak” speciale assegnatole da una giuria professionale (per di più formata da critici e giornalisti) perché il premio del pubblico alla miglior attrice protagonista è andato a Paola Cortellesi, brillante interprete femminile della commedia Come un gatto in tangenziale di Riccardo Milani: un film che evidentemente è piaciuto parecchio al pubblico visto che ne ha voluto omaggiare anche il protagonista maschile Antonio Albanese, Ciak d’oro come miglior attore.

Anche Ferzan Ozpetek – autore turco naturalizzato italiano da sempre nel cuore del grande pubblico – può considerarsi soddisfatto: il suo noir Napoli velata ha meritato il Ciak d’oro per la migliore scenografia e i migliori costumi. Fra i premi tecnici di maggiore qualità (assegnati anch’essi dalla giuria speciale) spiccano i raffinatissimi lavori di Luca Bigazzi, direttore della fotografia di Sicilian Ghost Story e di Susanna Nichiarelli premiata per la sceneggiatura del suo struggente Nico, 1988. Celebrato con ben due riconoscimenti è anche Cuori puri, dramma sentimentale d’esordio firmato da Roberto De Paolis che si porta a casa sia il MINI – Ciak d’Oro che quello assegnato Alice Giovani come miglior opera prima. Fra i numerosi altri premi della serata va segnalato infine il più “nazional popolare” ovvero il Superciak D’Oro a Luciano Ligabue, tornato alla regia cinematografica dopo diversi anni col suo Made in Italy. I film considerati per i Ciak d’oro 2018 sono stati quelli usciti fra il1 maggio 2017 e 30 aprile 2018.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Venezia 2018, versatile e talentuoso Michele Riondino padrino della 75esima edizione

next
Articolo Successivo

La terra dell’abbastanza, il folgorante esordio dei fratelli D’Innocenzo

next