BENVENUTI IN GERMANIA di Simon Verhoeven. Con Senta Berger, Elyas M’Barek, Heiner Lauterbach. Germania 2016. Voto 2,5/5 (DT)

Un africano (nigeriano) alla mia tavola (tedesca). Una coppia altoborghese di Monaco, non proprio annoiata ma parecchio in crisi, vista l’età quasi da pensione, decide di “adottare” ed ospitare un profugo richiedente asilo. La scelta cade su Djallo, in fuga da Boko Haram, ragazzetto saggio e simpatico, che flirta con gli adolescenti/nipoti finendo a fare video rap, dà buoni consigli alla matura coppia ospitante, e vede nascere un nuovo amore tra la figlia dei coniugi e un medico anche lui non proprio “tedesco di Germania”. La questione integrazione razziale ai tempi della morte nel Mediterraneo in una produzione tutta tedesca trattata però come una classica commedia americana contemporanea. Stereotipi sui nazi che fanno le ronde, luoghi comuni sugli scoppiati progressisti pro accoglienza e tradizionali fraintendimenti sul nero terrorista (gli incubi un po’ di tutti sugli scalmanati dell’Isis sono divertenti) che non travolgono per irresistibile satira sociale, ma nemmeno fanno annoiare per l’ovvia banalità politica. Interessante rilevare che regia, fotografia, montaggio e perfino brani musicali (tutti in lingua inglese) sembrano letteralmente precipitati dal manuale del film medio hollywoodiano.

Film in uscita al cinema, cosa vedere e cosa no: Loro 2, Tonno Spiaggiato, La banalità del crimine, Il dubbio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terzo Segreto di Satira al cinema, di cosa parla il film? Ogni partito ha la sua versione

prev
Articolo Successivo

Loro, Sorrentino e il private banker

next