IL DUBBIO – UN CASO DI COSCIENZA di Vahid Jalilvand, con Navid Mohammadzadeh, Amir Agha‘ee. Iran 2017. Durata: 104’. Voto 3,5/5 (AMP)

Una doppia coppia, un incidente e un bambino che (forse) ne è vittima. Classi sociali a confronto in un Iran dalle cocenti contraddizioni e dalle inevitabili crisi di coscienza. Ma non è un film di Asghar Farhadi anche se parecchio gli somiglia, forse troppo. Il secondo lungometraggio del suo connazionale Jalivand, meritevole del doppio premio veneziano di Orizzonti per miglior regia e attore protagonista, è un medical-legal drama dal retrogusto thriller che prende forma nei labirinti più della coscienza che non della burocrazia iraniana, mettendo in luce l’attitudine criminale di una certa umanità (borghese o proletaria indifferentemente) sostenuta dagli oggettivi problemi che i più poveri devono affrontare. Comprare della carne a prezzo stracciato, dunque, diventa naturale per il padre indigente che deve sfamare il figlioletto di 8 anni. Non poteva, infatti, immaginare che quei polli fossero avariati. Ma anche il medico che investe nottetempo una famiglia in motorino (in 4 senza casco…) non può obbligarli ad andare in ospedale se questi non desiderano farlo. La libertà contro il “dovere morale” di sapere e capire, la coscienza che però non perdona e non ti dà pace. Per tutto il suo svolgimento, Il dubbio si manifesta quale opera tesa e ben architettata nei suoi spazi e nei suoi tempi, incluse buone ellissi narrative che aprono all’esibizione di una buona capacità drammaturgica, sicuramente desunta dalle esperienze teatrali del regista. L’unico neo, come si diceva, è che struttura e plot troppo si avvicinano a Una separazione, facendo sorgere il dubbio (!) di una certa attitudine all’emulo di un regista ormai fra i punti di riferimento di un’intera generazione di cineasti, specie iraniani.

Film in uscita al cinema, cosa vedere e cosa no: Loro 2, Tonno Spiaggiato, La banalità del crimine, Il dubbio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terzo Segreto di Satira al cinema, di cosa parla il film? Ogni partito ha la sua versione

prev
Articolo Successivo

Loro, Sorrentino e il private banker

next