SHOW DOGS di Raja Gosnell. Con Will Arnett, Alan Cumming, Stanley Tucci. Usa 2018. Durata: 92’. Voto 3/5 (DT)

Per sgominare un traffico criminale internazionale di animali esotici – tra cui un tenero panda – il poliziotto rottweiler Max e l’agente Frank di New York sono costretti a lavorare insieme e a partecipare ad un rinomato concorso di bellezza canina di Las Vegas. Con l’aiuto di un volpino, ex re delle mostre, e un carlino decisamente rimbambito, riusciranno ad arrestare i malfattori. Raffinata trafila di cani parlanti, assoluti protagonisti grazie alla computer grafica anche di coreografici numeri wuxia, per un frivolo buddy movie che, da spunto spazio-temporale per telefilm, si amplia a misura da lungometraggio senza offendere l’intelligenza di nessuno, anzi. Difficile resistere alle caratterizzazioni psicologiche e somatiche dei protagonisti animali e al comico tourbillon canino di rincorse, dialoghi, colpi di scena. L’effetto comunque è più Francis il mulo parlante che Turner e il casinaro. Felipe il volpino con in bocca l’affannata e sciantosa parlata di Cristiano Malgioglio regala battute di classe cristallina (non relative metaforicamente al film, sia mai): “Non posso lucidare la cacca per farla brillare, ma posso riempirla di lustrini”. Max è doppiato in napoletano da Giampiero Morelli.

Film in uscita al cinema, cosa vedere e cosa no: Loro 2, Tonno Spiaggiato, La banalità del crimine, Il dubbio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terzo Segreto di Satira al cinema, di cosa parla il film? Ogni partito ha la sua versione

prev
Articolo Successivo

Loro, Sorrentino e il private banker

next