SHOW DOGS di Raja Gosnell. Con Will Arnett, Alan Cumming, Stanley Tucci. Usa 2018. Durata: 92’. Voto 3/5 (DT)

Per sgominare un traffico criminale internazionale di animali esotici – tra cui un tenero panda – il poliziotto rottweiler Max e l’agente Frank di New York sono costretti a lavorare insieme e a partecipare ad un rinomato concorso di bellezza canina di Las Vegas. Con l’aiuto di un volpino, ex re delle mostre, e un carlino decisamente rimbambito, riusciranno ad arrestare i malfattori. Raffinata trafila di cani parlanti, assoluti protagonisti grazie alla computer grafica anche di coreografici numeri wuxia, per un frivolo buddy movie che, da spunto spazio-temporale per telefilm, si amplia a misura da lungometraggio senza offendere l’intelligenza di nessuno, anzi. Difficile resistere alle caratterizzazioni psicologiche e somatiche dei protagonisti animali e al comico tourbillon canino di rincorse, dialoghi, colpi di scena. L’effetto comunque è più Francis il mulo parlante che Turner e il casinaro. Felipe il volpino con in bocca l’affannata e sciantosa parlata di Cristiano Malgioglio regala battute di classe cristallina (non relative metaforicamente al film, sia mai): “Non posso lucidare la cacca per farla brillare, ma posso riempirla di lustrini”. Max è doppiato in napoletano da Giampiero Morelli.