“Il potere è tale perché si compromette”. A ‘La Confessione’, stasera 27 aprile alle 23 su Nove, il giornalista e scrittore Giampiero Mughini passa in rassegna la sua vita: da Lotta Continua al rapporto con le aziende di Silvio Berlusconi. “Lei ha votato prima Berlusconi, poi Renzi, ha detto anche che Craxi è un grande statista”, ricorda il conduttore Peter Gomez. “Ah non c’è dubbio”, sottolinea Mughini. “Lei difendeva anche Andreotti”, continua il giornalista. “Certo – ammette lui – è stato assolto, no?”. “Prescritto. Colpevole fino al 1981”, gli ricorda Gomez. Mughini è fautore della realpolitik: “Sì, come qualsiasi politico che abbia a che fare con Palermo. Chiunque stia a Palermo, oggi, domani e sempre, non potrà non tener conto dell’ombra, della realtà di questa gang”. Gomez lo incalza: “Lei stima Berlusconi, Craxi, Andreotti. Il potere deve sempre compromettersi con un’area grigia o nera?”. Mughini chiude in tono mistico: “Il potere è tale perché si compromette, fa alleanze. Il potere assoluto ce l’ha solo Dio, Allah e Buddha”.

Dopo i buoni risultati d’ascolto, la seconda stagione del programma torna sul canale Nove il venerdì, alle 23, subito dopo Fratelli di Crozza, lo show satirico di Maurizio Crozza. Tutte le puntate della prima stagione (Emilio Fede, Alex Schwazer, Lele Mora, Vittoria Schisano, Vittorio Sgarbi, Alba Parietti, Antonio Di Pietro, Erri De LucaMalena, Giacobbe Fragomeni, Vanna Marchi, Vittorio Cecchi Gori) e le prime otto della seconda stagione (Marco BaldiniAnna Mazzamauro, Eleonora Giorgi, Rocco Siffredi,
Matteo Cambi, Serena Grandi, Fausto Bertinotti, Platinette) sono disponibili in abbonamento sul sito e sulla applicazione di Loft.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Confessione, Mughini: “La lite trentennale con Nanni Moretti? Lo invitai a cena per fare pace, ma non venne”

prev
Articolo Successivo

Balle Spaziali,Travaglio smonta due fake news si dedica alla sentenza di primo grado sulla trattativa tra Stato e mafia

next