L’ex presidente della Camera Fausto Bertinotti racconta spaccati inediti della sua vita ‘di lotta e di governo’. A ‘La Confessione’, venerdì 13 aprile alle 23 su Nove, Peter Gomez scava infatti nel passato dell’ex leader di Rifondazione Comunista, tra sindacato, politica e salotti radical chic. “Mario D’Urso, uno dei suoi migliori amici e amico personale di Gianni Agnelli, è stato consigliere d’amministrazione della banca d’affari JP Morgan”, afferma il giornalista. “Infatti, non ho frequentato solo compagni, sarebbe stata una cattiva vita quella di una frequentazione settaria”, replica l’ex leader di Rifondazione comunista. “Non si è sentito incoerente?”, incalza Gomez. “Assolutamente no”, rintuzza Bertinotti. “D’Urso le ha lasciato mezzo milione di euro di eredità – chiede il giornalista -, da rintracciare su conti esteri, le è arrivata?”. “Certo che sì – ammette l’ex segretario della Cgil -. D’Urso frequentava la finanza, principesse e contesse”. Gomez insiste: “Però il leader della sinistra col golfino in cachemire fa girare le balle”. Bertinotti spiega le sue ragioni: “Pensavo che quella vita così proba, mi mettesse al riparo dall’accusa di complicità con un altro mondo, ma avrei dovuto essere più avveduto”.

Dopo i buoni risultati d’ascolto, la seconda stagione del programma torna sul canale Nove il venerdì, alle 23, subito dopo Fratelli di Crozza, lo show satirico di Maurizio Crozza. Tutte le puntate della prima stagione (Emilio Fede, Alex Schwazer, Lele Mora, Vittoria Schisano, Vittorio Sgarbi, Alba Parietti, Antonio Di Pietro, Erri De LucaMalena, Giacobbe Fragomeni, Vanna Marchi, Vittorio Cecchi Gori) e le prime sei della seconda stagione (Marco BaldiniAnna Mazzamauro, Eleonora Giorgi, Rocco Siffredi, Matteo Cambi e Serena Grandi) sono disponibili in abbonamento sul sito e sulla applicazione di Loft.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: dal leghismo di Claudio Amendola all’opposizione forzata del Pd

prev
Articolo Successivo

The Match, Meluzzi: “Sparare è legittima difesa”. Fusaro: “Sarà il far west e la sicurezza apparterrà ai ricchi”

next