Il titolo è volutamente forte e richiede una spiegazione. Ho profondo rispetto del tentativo di Maurizio Martina, persona che non conosco ma che stimo (infatti non l’ho mai citato negativamente nei miei pezzi su Pd&renzismo).

È un tentativo coraggioso, nobile e sensato. Ma del tutto inutile. Vi spiego perché.

1. Se anche Martina vincesse, e con lui i Dario Franceschini e Piero Fassino, ottenendo il 50% più uno all’adunanza del 3 maggio, per supportare poi un governo M5S-Pd servirebbe l’85% dei parlamentari piddini. Una cifra im-pos-si-bi-le da raggiungere. E allora perché diavolo ne parliamo? Perché insistiamo (anzi insistono) con questa immane frattura inutile di palle?

2. Renzi ha nuovamente varcato i confini di se stesso, cioè del caricaturale, “intervistando” i passanti sull’accordo Pd-M5S. L’ha fatto forse per ricordarci di essere il peggior “politico” nella storia delle galassie, ma ce lo ricordavamo già. Augusto Minzolini, che sul Giornale si firma Yoda, gli attribuisce poi oggi parole da bulletto rancoroso.

Hanno impostato una trattativa violenta. Vogliono mettermi con le spalle al muro: o dico sì al governo con i grillini o c’è il muro, cioè le elezioni. Ma io scelgo il muro, cioè le elezioni. Tanto io in Parlamento torno, Franceschini non so. Questi non hanno capito che non mi faccio intimidire. Sono pronto a trattare pure con Belzebù, ma certo non ho paura di chi nelle trattative politiche si comporta come sul web, con i metodi delle baby gang.

Se le ha dette, siamo al parossismo della poraccitudine.

2 bis. Pensateci: Minzolini si firma “Yoda” sul Giornale. L’Italia non avrà mai speranza alcuna.

3. Quella di Renzi è però una poraccitudine motivata. Non solo perché essa è cifra identitaria del soggetto, ma perché i renziani fanno benissimo a non volere l’accordo con M5S. Ve lo immaginate Tex che si accorda con Mefisto o Dylan Dog con Xabaras? Stiamo scherzando? Siamo pazzi? Renzini e grillini sono inconciliabili. È ovvio poi che i renziani di grido (?) si coprano puntualmente di ridicolo anche quando dicono “no”. I tweet con l’hashtag #senzadime sono da asilo nido. Inutile aspettarsi qualcosa di diverso dai Gozi, Ascani, Morani, Anzaldi, Leonardi e derivati: è la peggiore “classe dirigente” immaginnabile. Il loro “no” è però giustissimo e sacrosanto. E Luigi Di Maio deve capire che la cosa è reciproca: se solo portasse i “suoi” voti per fare un brodino stitico con i renziani, tradirebbe tutto quel che ha detto e fatto in campagna elettorale.

3 bis. Decidete voi chi sia Tex e chi Mefisto. Mi è indifferente: la politica di queste settimane mi appassiona come una jam session tra Povia e il Poro asciugamano.

4. Mi direte: e allora che si fa? Si torna al voto. Andare al governo non è obbligatorio e, con questo Parlamento, Di Maio non ci può andare. Si sapeva dal 4 marzo sera, dunque se lo metta in testa. Finiamola con questa immensa farsa. Fate la nuova legge elettorale in fretta e torniamo al voto.

5. Se Renzi dovesse scegliere tra salvare il paese e ammazzare politicamente i 5 Stelle, sceglierebbe la seconda. Insisto: di che diavolo stiamo (state) parlando da settimane? Accordo de che?

5 bis. Calenda ha detto che, se il Pd fa l’accordo con i grillini, lui se ne va dal Pd. E lo ha detto come se a qualcuno la cosa interessasse.

Continua a pagina 2

L’accordo M5S-Pd è una boiata pazzesca

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo, Di Maio: “Basta minacce da Berlusconi. Non faremo interesse di partito come la Lega”

next
Articolo Successivo

Governo, Salvini: “PD-M5S? Surreale, finito amoreggiamento. Io come leader del centrodestra ci sono”

next