Tre amici in una macchina, una pistola e un cellulare. Questa la miscela alla base di un fatto di cronaca che lascia letteralmente senza parole, nel pieno del dibattito sulla diffusione delle armi negli Usa. I tre sono nel parcheggio di una stazione di servizio a Houston (Texas), stanno trasmettendo una diretta facebook mentre parlano e giocano con una pistola. Cassandra Damper, questo il nome della donna a bordo dell’auto, ha impugnato la pistola puntandola verso il cellulare. L’uomo seduto accanto a lei la ammonisce dicendole: “Mi rendi nervoso”. La donna continua imperterrita nel suo gioco, convinta che la pistola fosse scarica. Ad un certo punto parte un colpo che raggiunge il ventiseienne Devyn Holmes alla testa.

La diretta video (di cui proponiamo uno spezzone volutamente interrotto dopo lo sparo) continua: la donna e il passeggero sul sedile posteriore lasciano immediatamente la macchina, in auto rimane Holmes agonizzante, con la t-shirt inzuppata di sangue. Stando a quanto riporta la stampa è stato trasferito in ospedale e lotta tra la vita e la morte. La donna è stata arrestata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Londra, due sparatorie: una 17enne colpita alla testa a Tottenham. Un altro sedicenne grave

next
Articolo Successivo

Terrorismo, l’Italia è il paradiso per documenti falsi per le cellule jihadiste

next