Era il 17 giugno del 2016 quando in un agguato a Ponticelli (Napoli) furono uccisi due ragazzi. Uno era Raffaele Cepparulo, 24 anni, ritenuto vicino al clan Esposito-Genidoni, l’altro Ciro Colonna, 19 anni, totalmente estraneo a qualsiasi attività criminale. Oggi i carabinieri hanno arrestato otto persone.

I militari del nucleo Investigativo hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del tribunale partenopeo su richiesta della locale Dda, nei confronti di elementi di spicco dei clan camorristici Rinaldi e Pazzignani ritenuti responsabili di omicidio aggravato da finalità mafiose e detenzione di armi da guerra. Cepparulo era stato trovato riverso per strada ed è deceduto sul posto, mentre Colonna era stato portato all’ospedale Villa Betania dove è morto poco dopo per le gravi ferite causate dai proiettili sparati da distanza ravvicinata.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Camorra, blitz della polizia nel rione Sanità a Napoli: 18 arresti

prev
Articolo Successivo

Camorra, risolto cold case di 22 anni fa. Arrestati 2 appartenenti al clan Belforte

next