Sono due giovani le persone uccise nel corso di un agguato in via Cleopatra, nel quartiere di Ponticelli a Napoli. Si tratta di Raffaele Cepparulo, 24 anni, e di Ciro Colonna, di 19: entrambi erano sull’uscio di un locale a piano terra quando sono sopraggiunti i sicari che hanno fatto ripetutamente fuoco.

Nel mirino dei killer, che secondo una prima ricostruzione sono giunti a piedi, è finito Cepparulo, che secondo il quotidiano il Mattino è uno dei capi dei Barbudos (così chiamati per la barba che hanno alcuni ragazzi del quartiere), originario del Rione Sanità e da poco trasferitosi nella zona orientale di Ponticelli. Poi i proiettili hanno colpito Colonna, incensurato, che era a poca distanza. I sicari si sono quindi allontanati, sempre a piedi, infilandosi in una strada laterale dove si pensa avessero una moto o una macchia con la quale hanno proseguito la fuga.

Cepparulo è stato trovato riverso per strada ed è deceduto sul posto, mentre Colonna è stato portato da persone ancora ignote all’ospedale Villa Betania dove è morto poco dopo per le gravi ferite causate dai proiettili sparati da distanza ravvicinata.

Sul luogo dell’agguato sono giunti la polizia e i carabinieri del reparto operativo di Napoli e quelli del nucleo operativo di Poggioreale. Il duplice omicidio, secondo una prima ipotesi investigativa, può essere maturato nell’ambito dello scontro tra i vari gruppi criminali per il controllo delle attività illecite.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo nelle Marche: a Recanati Leopardi sott’acqua

next
Articolo Successivo

Parma, busta esplosiva all’Efsa. Pizzarotti: “Un mese fa chiesi nucleo antiterrorismo”

next