Lo hanno bloccato, legato mani e piedi e pestato a sangue nella centrale via Dante, a Palermo. La vittima dell’aggressione è il responsabile provinciale di Forza Nuova, Massimo Ursino. Gli autori dell’agguato – secondo quanto si apprende – lo hanno fermato con il volto coperto da sciarpe attorno alle 19, all’altezza di piazza Lolli.

Ursino sarebbe stato accerchiato da almeno 6 persone, vestite di nero e con il viso travisato. Del gruppo farebbe parte anche una ragazza che, secondo i testimoni, ha documentato il pestaggio con uno smartphone. Il dirigente di Forza Nuova, titolare di un laboratorio di tatuaggi nella vicina via Marconi, è stato legato con del nastro da imballaggio e picchiato a sangue riportando contusioni al volto e una ferita alla testa che hanno richiesto l’intervento di un’ambulanza e il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale Civico.

Immediata la reazione del movimento di estrema: “Chi arma la mano di questa feccia sono i vari Parenzo, i vari Boldrini e compagnia: piccoli uomini che trovano in branco il coraggio che altrimenti, da soli, non troverebbero mai. Vicini a Massimo”, scrive su Facebook il movimento guidato da Roberto Fiore. Lo stesso leader ha poi aggiunto: “Ritorno alle tecniche brigatiste, contro la violenza comunista chiamo alla piena mobilitazione. Dopo una campagna d’odio seminata dal Gruppo Espresso e seguita da tutta la sinistra inclusa Liberi e Uguali, si scatena l’odio comunista”. Nelle scorse ore Forza Nuova aveva parlato di un “clima da Anni di Piombo” per le proteste di questi giorni in vista dell’arrivo in città di Fiore, che terrà un comizio in città sabato prossimo.

Un appuntamento che ha spinto alcune associazioni a richiedere alla prefettura e al Comune di negare gli spazi pubblici per la manifestazione. Il partito di estrema destra in giornata aveva denunciato che lunedì sera “sotto casa di uno dei militanti e candidati alle politiche di Forza Nuova, ha stazionato per ore un gruppo di dieci persone armate il cui atteggiamento non ha mancato di richiamare l’attenzione preoccupata del quartiere”.

L’8 febbraio aveva suscitato forti polemiche la decisione di Forza Nuova di inaugurare le ronde sui bus della linea 101. Un’iniziativa stigmatizzata dalla stessa Amat: “Un fatto gravissimo, a mio avviso, queste persone non meritano alcuna visibilità – aveva detto il presidente della società di trasporti pubblici, Antonio Gristina – Non c’è stata alcuna intesa con Forza Nuova. L’unico aiuto che ci aspettiamo è quello dell’intera collettività senza senso di appartenenza alcuno”.