LAURA PAUSINI. Si può sempre dare di più. Tipo la vita. Rappresentante internazionale di noi gente prive di difese immunitarie, perennemente malata da novembre a marzo che, nonostante tutto, ce la mette tutta e va avanti con coraggio. Purtroppo pare che dopo la performance di ieri sera, durante la quale si è buttata fuori mezza nuda con 2 gradi centigradi, Laura sia tristemente deceduta in preda ad un febbrone epico. Ma si sa, tutte le eroine romantiche sono destinate a questa fine. La ricorderemo così: paladina in swarovski della lotta contro la laringite.

INDIETRO

Sanremo 2018, il meglio e il peggio secondo Martina Dell’Ombra. Baglioni come l’organismo madre alieno di Avatar, Ornella Vanoni favolosa

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, Salvini: “Un sacco di canzoni sugli immigranti. Magari il prossimo anno si ricorderanno dei terremotati”

next
Articolo Successivo

Sanremo 2018, Lo Stato Sociale: secondi sul podio ma vincitori morali di questo Festival

next