FAVINO. Favino non è un nome proprio, è un sostantivo. Durante la serata di ieri pare che sia stata modificate un parte importante dei libri di letteratura italiana sostituendo l’iconico “M’illumino d’immenso” con “M’illumino di Favino”. Ci ha insegnato che essere bravi si può, essere eccellenti pure, essere strepitosi anche, e che puoi far vedere tutto questo anche su un palco storicamente mediocre come quello di Sanremo. Ora si può star certi che non lo vedremo fare nulla per un bel po’.

INDIETRO

Sanremo 2018, il meglio e il peggio secondo Martina Dell’Ombra. Baglioni come l’organismo madre alieno di Avatar, Ornella Vanoni favolosa

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, Salvini: “Un sacco di canzoni sugli immigranti. Magari il prossimo anno si ricorderanno dei terremotati”

next
Articolo Successivo

Sanremo 2018, Lo Stato Sociale: secondi sul podio ma vincitori morali di questo Festival

next