La forza di Masterchef non è la cucina
Fine del cazzeggio e ultime righe dedicate allo sforzo di MasterChef di far vedere le cose belle d’Italia e del mondo e di trasmettere messaggi positivi, ma non retorici e non banali. A questo giro è toccato all’ex ospedale psichiatrico Paolo Pini, che ora è un magnifico parco nella zona nord di Milano. Tra le altre cose c’è la onlus Olinda che si occupa di accesso ai diritti delle persone con problemi di salute mentale: qui Bastianich ha intervistato una delle ospiti. Non è la prima volta che MasterChef dimostra questa delicatezza. Ecologia, battaglia allo spreco, sostegno agli indigenti, valorizzazione della tradizione artistica e musicale italiana, il frequente riferimento al mondo dell’associazionismo. Nessun programma televisivo di intrattenimento, neanche sul servizio pubblico, riesce a trattare in modo così accurato certi temi.

INDIETRO

MasterChef Italia 7, la svolta criminale anti-Festival: furti, inchieste, moviole e una doppia espulsione

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, le pagelle della seconda serata. Da 8 il tentato golpe di Baudo, Il Volo deturpa Sergio Endrigo

next
Articolo Successivo

Isola dei Famosi, Alessia Marcuzzi su Eva Henger: “Il suo modo di fare mi ha infastidito… Ah la visibilità, quanto può incattivire le persone”

next