Dichiarazioni di Ermal Meta e Fabrizio Moro, i cantautori sospesi dalla gara del 68/o festival di Sanremo per dubbi sulla loro canzone e poi riammessi. “La parola plagio mi ha fatto veramente male”. Così Fabrizio Moro in conferenza stampa all’Ariston. “E’ il momento di fare chiarezza – insiste -. L’idea è scrivere una canzone sulla paura che ha contaminato le nostre vite, perché un famigliare di una vittima del Bataclan ha letto in mondovisione una lettera, che finiva con ‘Non ci aveva fatto nientè. Quella frase mi ha dato lo spunto per scrivere una nuova canzone. Sono andato a riprendere una cosa su cui aveva lavorato io stesso, quella è farina del mio sacco, poi Ermal ci ha messo del suo”. ‘Silenzio‘ è il titolo della canzone portata a Sanremo da Ermal Meta e Fabrizio Moro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2018, James Taylor sul palco dell’Ariston: la gaffe su Baglioni e quella cosa in comune con Elio e Le Storie Tese

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2018, Crozza diventa Sting. L’imitazione è esilarante: “Ma cosa ha cantato? Io ho capito questo…”

next