Baglioni 4/5

La conduzione non è il suo pane, ma questo è il meno. Il guaio è che parla di sé in continuazione, è enfatico e già il contesto – la rete ammiraglia della Rai – è abbastanza ingessato. Ha ripetuto perfino la storiella del dittatore artistico, che non se ne poteva più già prima dell’inizio del Festival. Chi lo conosce dice che pretendere da lui la modestia era troppo. Però il suo ruolo era quello di regista, fare troppe parti in commedia è controproducente. Il primo intervento, dopo l’esibizione di Fiorello, con le citazioni delle sue canzoni, abbassa immediatamente la temperatura in teatro. Per due ragioni: non è mai elegante essere auto riferiti. E  poi dai, non sono proprio i testi di Fossati.

INDIETRO

Sanremo 2018, le pagelle della prima serata: Fiorello 10, a lui si può solo fare una dichiarazione d’amore

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sanremo 2018, la diretta della prima serata. Torna Fiorello, fuoriclasse vero. Sul palco arriva Gianni Morandi con Tommaso Paradiso

next