L’Oscar 2017 è andato Moonlight di Barry Jenkinsnella strana serata in cui a salire sul palco era stato il cast di La La Land. La Palma d’oro, inattesa a dire il vero, è stata assegnata The Square del regista Ruben Östlund. Il Leone della Mostra di Venezia è stato assegnato a The Shape of Water di Guillermo Del Toro che uscirà in Italia solo fra due mesi, come del resto Three Billboards Outside Ebbing, Missouri di McDonagh, pellicola molto amata sul Lido. Nella lista non possono esserci film già visti dai nostri redattori ma non usciti come The Post di Steven Spielberg o Call me by your name di Luca Guadagnino che tanti premi sta raccogliendo all’estero.

Ai lettori del fattoquotidiano.it la possibilità di assegnare l’Oscar del Fatto tra dieci film selezionati dalla redazione tra i molti che ci sono piaciuti tra cui Silence di Martin Scorsese, Song to Song di Malick o Jackie di Pablo Larraìn. Per ragioni di spazio abbiamo dovuto lasciare fuori alcuni titoli come La Tartaruga Rossa, L’insulto e Borg/McEnroe. Nei commenti potrete indicare la vostra pellicola preferita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cinema, nel 2017 l’anniversario di tre capolavori: Il Padrino, Incontri ravvicinati e La vita è bella

prev
Articolo Successivo

Cinema, i film che vedremo nel 2018. Con il ritorno di Sorrentino e Spielberg

next