faye-warren-675

Moonlight vince l’Oscar 2017 per il Miglior Film, a sorpresa e con un brivido d’imbarazzo. Perché sul palco del Dolby Theater di Los Angeles erano già saliti produzione, attori e regista di La La Land felici di aver vinto e ritirare l’Oscar. A raccontarla ora sembra una gag programmata a tavolino, invece è successo nel tempio del cinema. Warren Beatty e Faye Dunaway aprono la busta per il Miglior Film e dopo un sinistro tentennamento proclamano La La Land vincitore. Tutto procede spedito. Salgono sul palco i produttori del musical della Lionsgate, poi arrivano Ryan Gosling ed Emma Stone, lei con il suo Oscar appena vinto come Miglior Attrice ancora tra le mani. Rullano già i discorsi di rito, ma qualcosa non quadra.

Damien Chazelle che aveva appena ritirato la statuetta come Miglior Regista in uno stato di agitazione premonitore se ne sta dietro a tutti ed è come sbiancato. Pochi secondi e il responsabile del palco sottrae gli Oscar dalle mani dei vincitori. Il pubblico si alza in piedi senza capirci più niente. E a questo punto si cambia tutto. A Beatty era stata consegnata la busta sbagliata, quella con il nome della Stone miglior attrice per La La Land. Quella giusta segnala che a vincere è stato il film diretto da Barry Jenkins, Moonlight. Autentica produzione indipendente (A24) con un cast tutto di colore, per la storia del giovane Chiron, crescita e affermazione di sé che attraversa tre fasi della sua vita (infanzia, adolescenza, età adulta) mostrando, dapprima in controluce poi sempre più in primo piano, la contrastante e faticosa normalità tra omosessualità e machismo criminale in una delle più pericolose periferie urbane della Florida. 

Oscar 2017, i vincitori – miglior film è Moonlight. Errore nella busta e sul palco sale il cast di La La Land

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La La Land o La La Lagna? Perché gridare al miracolo per questo film è imbarazzante

next
Articolo Successivo

Oscar 2017, così l’Academy premia il black power. Ma tra La La Land e Moonlight c’è un abisso

next