faye-warren-675

Moonlight vince l’Oscar 2017 per il Miglior Film, a sorpresa e con un brivido d’imbarazzo. Perché sul palco del Dolby Theater di Los Angeles erano già saliti produzione, attori e regista di La La Land felici di aver vinto e ritirare l’Oscar. A raccontarla ora sembra una gag programmata a tavolino, invece è successo nel tempio del cinema. Warren Beatty e Faye Dunaway aprono la busta per il Miglior Film e dopo un sinistro tentennamento proclamano La La Land vincitore. Tutto procede spedito. Salgono sul palco i produttori del musical della Lionsgate, poi arrivano Ryan Gosling ed Emma Stone, lei con il suo Oscar appena vinto come Miglior Attrice ancora tra le mani. Rullano già i discorsi di rito, ma qualcosa non quadra.

Damien Chazelle che aveva appena ritirato la statuetta come Miglior Regista in uno stato di agitazione premonitore se ne sta dietro a tutti ed è come sbiancato. Pochi secondi e il responsabile del palco sottrae gli Oscar dalle mani dei vincitori. Il pubblico si alza in piedi senza capirci più niente. E a questo punto si cambia tutto. A Beatty era stata consegnata la busta sbagliata, quella con il nome della Stone miglior attrice per La La Land. Quella giusta segnala che a vincere è stato il film diretto da Barry Jenkins, Moonlight. Autentica produzione indipendente (A24) con un cast tutto di colore, per la storia del giovane Chiron, crescita e affermazione di sé che attraversa tre fasi della sua vita (infanzia, adolescenza, età adulta) mostrando, dapprima in controluce poi sempre più in primo piano, la contrastante e faticosa normalità tra omosessualità e machismo criminale in una delle più pericolose periferie urbane della Florida. 

Oscar 2017, i vincitori – miglior film è Moonlight. Errore nella busta e sul palco sale il cast di La La Land

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La La Land o La La Lagna? Perché gridare al miracolo per questo film è imbarazzante

prev
Articolo Successivo

Oscar 2017, così l’Academy premia il black power. Ma tra La La Land e Moonlight c’è un abisso

next