Approdato a febbraio al Festival di Berlino nella sezione Panorama Special, Call me by your name, era stato accolto in autentico trionfo, tanto dal pubblico quanto dalla critica internazionale, che – come era accaduto alla premiére mondiale al Sundance poche settimane prima – non aveva potuto evitare di intonare mente e cuore davanti all’opera più bella del cineasta italo-etiope. E il percorso di questa pellicola – tratto dal romanzo di André Aciman -continua così felicemente che fa sperare in un approdo sul palco del Dolby Teather di Los Angeles dove si assegnano gli Oscar. Il film ha vinto ben due due Gotham Awards, miglior film dell’anno e attore rivelazione.

“Impossibile è, di fatto, resistere alla pelle d’oca scatenata dalla sensualità restituita – scriveva da Berlino Anna Maria Pasetti per il Fatto Quotidiano – attraverso la storia d’amore giovane ma matura fra il teenager Elio e il 24enne Oliver, che prende forma in una calda estate del nord Italia nel 1983. Pochi giorni fa la storia aveva conquistato diverse nominations agli Independent Spirit Awards 2018, che verranno consegnati il 3 marzo prossimo, 24 ore esatte prima degli Oscar. La speranza di una statuetta dell’Academy è legata a precedemti importati: i Gotham Awards sono i premi del cinema indipendente consegnati a New York e da tre anni chi trionfa nella categoria miglior film poi vince l’Oscar più importante, quello di Miglior Film dell’anno, appunto. È successo l’anno scorso a Moonlight, che battè in una confusa serata La La Land, mentre l’anno prima ci fu Il caso Spotlight e nel 2015 a Birdman.

Premiato anche Timothée Chalamet come attore rivelazione. È lui a interpretare Elio, 17 anni, protagonista di una storia di amore con Oliver (Armie Hammer), l’assistente americano del padre, durante un’estate Anni Ottanta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riccardo va all’inferno, versione femminista e in forma di musical del testo di Shakespeare con la regia di Roberta Torre

prev
Articolo Successivo

My War Is Not Over, in un doc storia del soldato che ha ridato un nome e una tomba ai caduti nella seconda Guerra Mondiale

next