In attesa di Loro, la pellicola di Paolo Sorrentino sul bunga-bunga, torna Belluscone con le sue due “elle” . Tre anni dopo infatti Franco Maresco firma il sequel del primo film. “Tutti, infatti, davano per spacciato Silvio – dice Maresco – ma lui, come Babbo Natale, ricompare, stravince e si riprende la scena”. Torna, dunque, il Cavaliere. A venticinque anni dalle stragi di mafia – con la messa a morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino – Letizia Battaglia e Maresco, si ritrovano in questo nuovo lavoro per interrogarsi su ciò che resta nel frattempo che la mafia, oggi, trova più conveniente fare l’antimafia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cinema, nelle sale è tutto un malinconico ‘déjà vu’: questo Natale meglio la tombola con i parenti

next
Articolo Successivo

Fausto Brizzi sbanca al cinema nonostante lo “scandalo molestie”. E Barbareschi gli offre un contratto per tre film

next