Come addobbare la tavola per Natale e Capodanno? Cosa indossare? E di cosa parlare a tavola durante le feste? “Sobrietà, prima di tutto”, consiglia Samuele Briatore, presidente dell’Accademia Italiana Galateo, LifeCoach e studioso di storia del teatro e del cerimoniale. “Tacchi per le donne, a Capodanno soprattutto, e mai le spalle scoperte. Per gli uomini invece camicia, giacca e scarpe con i lacci”. Bando quindi all’ostentazione: “Non fate centritavola che sembrino catafalchi. Queste sono occasioni famigliari che devono lasciare tutto lo spazio possibile alla conversazione. E bisogna guardarsi negli occhi”. Si può parlare di politica a tavola? “Tutto è politica, quindi certamente sì. Ma di partiti meglio di no: quello lasciamolo per il momento del caffè”. E i regali? “Pensati per chi li fa e per chi li riceve. E mai senza bigliettino. Libri e cibo – ma niente di esotico, rigorosamente della tradizione e vicini a noi – vanno benissimo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Twin Peaks, Tamagotchi e Spice Girls: gli anni Novanta sono tornati, ma ne sentivamo la mancanza?

next
Articolo Successivo

Regina Elisabetta, lettera aperta a Sua Maestà (che ha partecipato a una sfilata, annientando l’attenzione su quelle che verranno dopo. Per sempre)

next