Come addobbare la tavola per Natale e Capodanno? Cosa indossare? E di cosa parlare a tavola durante le feste? “Sobrietà, prima di tutto”, consiglia Samuele Briatore, presidente dell’Accademia Italiana Galateo, LifeCoach e studioso di storia del teatro e del cerimoniale. “Tacchi per le donne, a Capodanno soprattutto, e mai le spalle scoperte. Per gli uomini invece camicia, giacca e scarpe con i lacci”. Bando quindi all’ostentazione: “Non fate centritavola che sembrino catafalchi. Queste sono occasioni famigliari che devono lasciare tutto lo spazio possibile alla conversazione. E bisogna guardarsi negli occhi”. Si può parlare di politica a tavola? “Tutto è politica, quindi certamente sì. Ma di partiti meglio di no: quello lasciamolo per il momento del caffè”. E i regali? “Pensati per chi li fa e per chi li riceve. E mai senza bigliettino. Libri e cibo – ma niente di esotico, rigorosamente della tradizione e vicini a noi – vanno benissimo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Twin Peaks, Tamagotchi e Spice Girls: gli anni Novanta sono tornati, ma ne sentivamo la mancanza?

prev
Articolo Successivo

Regina Elisabetta, lettera aperta a Sua Maestà (che ha partecipato a una sfilata, annientando l’attenzione su quelle che verranno dopo. Per sempre)

next