Diceva Bridget Jones – paladina cinematografica di tutte le zitelle del mondo – che sai di star invecchiando quando vedi le ragazzine vestirsi come ti vestivi tu anni fa. Fra camicie a quadri, gonne di jeans e zainetti ormai è ufficiale: sono tornati gli anni Novanta. Ma non solo nella moda: il cinema e la televisione ripropongono vecchi cult, da Jumanji a X-Files. Le Spice Girls annunciano il reunion tour e Cristina D’Avena reincide le sigle dei cartoni animati. Basta farsi un giro su Facebook per vedere tutto un proliferare di pagine come “Viva gli anni ‘90” (più di un milione di likes) o “Ridateci gli anni ‘90”. Ne sentivamo la mancanza? Secondo Lisa Raspers France, giornalista della CNN, in tempi di terrorismo e crisi economica, il decennio di fine secolo ci sembra “confortevole come un paio di Dr.Martens e una camicia di flanella”.

MUSICA: Vent’anni dopo Wannabe, le Spice Girls annunciano il reunion tour che porterà il pink power di nuovo in giro per concerti. Tutte tranne Victoria Beckham, troppo impegnata con la famiglia e con la sua carriera nella moda. Dalle nostre parti, il vero tour nostalgia è quello di Nek, Max Pezzali e Francesco Renga (che comunque non hanno mai smesso di fare musica) in tour i brani più famosi delle loro venticinquennali carriere. Chi si aggira intorno ai trenta-e-qualcosa sarà contento di sapere che Cristina D’Avena ha rispolverato tutte le sigle dei cartoni animati in un cd di duetti: I Puffi con Michele Bravi, Occhi di Gatto con Loredana Bertè.

Twin Peaks, Tamagotchi e Spice Girls: gli anni Novanta sono tornati, ma ne sentivamo la mancanza?

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Liliane Bettencourt morta, la presidente del gruppo L’Oreal era la donna più ricca del mondo

prev
Articolo Successivo

Natale cafone? No grazie. Dai regali al dress code, alla tavola: cosa fare e cosa evitare per essere a prova di Galateo

next