“Oggi sento dire: è morto Totò Riina, ora è il momento di fare chiarezza sulla stragi. E’ incredibile”. Così il deputato M5S Alessandro Di Battista, da Ostia dove si trovava per sostenere Giuliana Di Pillo, candidata penstallata alla presidenza del X Municipio. “Cosa nostra è forte – sottolinea Di Battista, che chiede alla platea – ma non vi viene da vomitare quando sentite persone di centrodestra che citano Paolo Borsellino, che parlano di legalità, e poi vanno a braccetto con un partito che è stato fondato da un tipo che è in carcere per concorso esterno in associazione mafiosa, perché ha favorito ‘Cosa nostra’ che ha fatto saltare in aria Borsellino?”

“Come si fa chiarezza sui mandanti occulti delle stragi di Mafia? Rendendo il 41-bis ancora più duro. Il Carcere duro è stato ammorbidito proprio in virtù di quelle bombe. La strategia stragistra è stata fatta per costringere lo Stato a calarsi le braghe. Stragi – continua Di Battista – che casualmente finiscono nel 1994, anno della discesa in campo di Silvio Berlusconi, che ha fondato un partito con Marcello Dell’Utri che oggi è in carcere per aver favorito ‘Cosa nostra’. Ci rendiamo conto in qualunque Paese del mondo questo avrebbe azzerato la carriera politica e qui invece stiamo ancora parlando di certi soggetti, ma che Paese siamo?” conclude Di Battista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Totò Riina morto apre un vuoto al vertice di una Cosa nostra ‘camorristizzata’. “Il nuovo capo? Non è Messina Denaro”

next
Articolo Successivo

Riina, il pentito Mutolo: “Io non immagino una politica senza mafia. Berlusconi? Non dimentichiamo che Dell’Utri è in galera”

next