Centinaia di messaggi di condoglianze, cuori e fiori virtuali. I profili Facebook delle figlie di Totò Riina, il capo dei capi morto venerdì notte nell’ospedale maggiore di Parma, raccolgono il cordoglio per la scomparsa del boss corleonese. Messaggi da tutta Italia, da Merano alla Sicilia, indirizzati a Lucia e Maria Concetta, le due donne di casa, ma anche al genero del numero uno di Cosa Nostra, Antonio Ciavarello, marito di Maria Concetta. Secondo l’uomo, centinaia di segnalazioni al post, hanno spinto Facebook a cancellarlo. Così ha postato una nuova immagine spiegando l’accaduto (“A qualcuno ha dato fastidio il vostro cordoglio”, dice) e sono piovute altre centinaia di commenti. Uno bolla come una panzata ri picuruna (una massa di pecoroni) chi non si duole o non si mostra addolorato: “Sarà solo Dio che potrà decidere se accoglierlo o no”.

“Condoglianze a te e alla tua famiglia per un grande uomo“, scrive qualcuno sotto la foto che ritrae un viso in primo piano con l’espressione “shhh”, cioè la richiesta di silenzio nel momento di lutto, postata dalla figlia. Decine e decine di “vi siamo vicini”, “condoglianze”, “tuo papà riposi in pace”. Maria Concetta, 42 anni, è stata in gioventù una studentessa dai voti eccellenti e nelle rare interviste rilasciate ha sostenuto che il padre “è un lavoratore ingiustamente accusato“, e che contro di lui parlano solo “calunniatori malvagi e senza scrupoli”.

Molto attiva su Facebook, è intervenuta su varie vicende che hanno riguardato la famiglia, così come suo marito, che pure ha voluto ricordare il suocero – sempre sul social – con un fiocco nero. “La morte ridà dignità e ripone tutti alla pari davanti alla grande di Dio”, commenta qualcuno sulla bacheca di Ciavarello. “Riposa in pace zio Totò”, si legge ancora. “Condoglianze alla famiglia, ciao zio Totò”, scrive un altro.

In pochi ricordano i trascorsi di Rina, i suoi 24 anni di latitanza e le 26 condanne all’ergastolo per decine di omicidi e stragi tra le quali quella di viale Lazio, gli attentati del ’92 in cui persero la vita Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e quelli del 1993 a Milano, Roma e Firenze.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riina, il boss che fece guerra allo Stato. Ascesa al potere, omicidi e stragi del padrino di Corleone

prev
Articolo Successivo

Totò Riina, giusto permettere ai famigliari di vederlo. Lo Stato non cerca vendette

next