Si era convertito all’islam e aveva imposto il niqab a sua moglie, che non poteva lavorare perché avrebbe significato “buttarla tra gli uomini che guardano”. Riteneva “meritevole” infibulare le figlie e sognava d’andarsene in Arabia Saudita per “poter vivere intensamente la Shari’a“. Non solo: Alfredo Santamato, 42enne di Turi, in provincia di Bari, definì l’attacco terroristico di Berlino “un incidente stradale”, sul suo profilo Facebook condivideva immagini inneggianti al jihad e aveva contatti con persone ritenute vicine all’Islam radicale. Per questo, sospettato dalla Dda di Bari di terrorismo internazionale, è sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale.

Da oggi, però, Santamato, che si fa chiamare Muhammad da quando si è convertito all’islam, ha iniziato un percorso di de-radicalizzazione voluto dalla magistratura barese tra le prescrizioni per la sorveglianza. È la prima volta che un’iniziativa di questo tipo viene applicata in Italia. Il 42enne, ex camionista e ritenuto pericoloso anche per questo, perché il tir di cui disponeva era considerato dal tribunale “una vera e propria arma nelle sue mani”, si è presentato oggi in questura a Bari accompagnato dalla madre e poi, scortato da agenti della Digos, ha raggiunto l’università dove ha tenuto la prima lezione del suo nuovo percorso.

“Mi aspetto che questi incontri possano servire a comprendere gli errori fatti“, ha raccontato l’uomo. Le lezioni avranno cadenza quindicinale e verteranno sui temi dei diritti costituzionali, dell’eguaglianza dei cittadini nella diversità culturale e religiosa, della condizione della donna e, collegato con questo, dei simboli religiosi e dell’abbigliamento femminile.

Fra le linee guida individuate da Università e Tribunale nel percorso di de-radicalizzazione che Santamato dovrà seguire, ci sono anche riferimenti al rilievo penale di alcune condotte, come i maltrattamenti in famiglia, la violenza privata o le mutilazioni rituali che riteneva “meritevoli”, oltre ad approfondimenti sui concetti di democrazia e di rispetto delle libertà fondamentali in nome della convivenza pacifica.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, sequestrate e violentate due 14enni: arrestati due giovani di 20 e 21 anni

next
Articolo Successivo

Migranti, si rovescia un gommone nel mar Mediterraneo: 23 morti, salvate 263 persone

next