“C’è un nuovo testimone che si è fatto avanti alcuni giorni fa la cui deposizione è importante perché descrive il clima che era costretto a vivere chi era depositario di una verità diversa da quella cosiddetta ufficiale. Era in carcere al Regina Coeli per questo non ha parlato finora”. Lo ha detto Fabio Anselmo, legale della famiglia Cucchi, a margine di un evento in Senato. Il 13 ottobre partirà il processo bis a carico di cinque carabinieri per la morte di Stefano Cucchi. “La sua deposizione è importante perché ci descrive uno Stefano particolarmente in difficoltà fisiche. Si aggrappava alle sbarre e non riusciva a reggersi in piedi con buona pace di coloro, periti compresi, che parlavano di lesioni dolose lievi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Concorsi truccati all’università, il simbolo di una nazione infetta

next
Articolo Successivo

Cucchi, la sorella Ilaria: “C’è speranza per il processo. Stavolta non sarà Stefano l’imputato”

next