Vigilia di tensione in Venezuela in vista del voto di domani, indetto dal presidente Nicolas Maduro, per eleggere un’Assemblea costituente che redigerà una nuova Costituzione, con rigide misure di sicurezza in vigore e opposizione e comunità internazionale che respingono l’elezione. In 53 delle 335 circoscrizioni sono stati registrati fatti di violenza politica, che si inseriscono nel contesto dell’ondata di proteste cominciata il 1° aprile scorso, il cui bilancio aggiornato è di 109 morti, centinaia di feriti e circa 5mila fermati. Le forze armate chiamate a garantire lo svolgimento del voto di domani con il dispiegamento di 200mila uomini hanno fatto sapere che tratteranno qualunque “minaccia” con un “uso proporzionato della forza”.

Il clima di tensione ha indotto diverse compagnie di volo, in ultimo anche Air France e Iberia a sospendere partenze e arrivi a Caracas da domani e fino a martedì prossimo. La compagnia spagnola ha spiegato oggi in un comunicato che la sospensione dei suoi voli da Madrid a Carcas è dovuta alla “delicata situazione in Venezuela e le difficoltà operative e di sicurezza”. Air France aveva annunciato ieri una misura analoga.

La situazione è seguita con particolare preoccupazione anche negli Stati Uniti: il vicepresidente Mike Pence ha parlato al telefono con il leader oppositore venezuelano Leopoldo Lopez, attualmente agli arresti domiciliari dopo essere stato condannato a oltre 13 anni di carcere e gli ha assicurato, a nome del presidente Trump, che “gli Usa sono a fianco del popolo venezuelano”. E anche la Colombia ha fatto sapere che non riconoscerà la validità del voto per la Costituente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Polonia, Commissione Ue apre procedura di infrazione per la riforma della giustizia: inviata lettera di messa in mora

prev
Articolo Successivo

Germania, iracheno apre il fuoco in una discoteca di Costanza: due morti e 4 feriti

next