Il principe Carlo ha visitato Amatrice e ha incontrato gli abitanti della cittadina, il personale della Protezione Civile e i responsabili della ricostruzione. L’erede al trono britannico si trova in Italia per un viaggio di sei giorni con la moglie Camilla, che è rimasta a Firenze e non lo ha accompagnato nella visita alla città colpita dal terremoto lo scorso agosto.

Accolto dal sindaco Sergio Pirozzi, il principe Carlo si è tuttavia addentrato da solo nella zona rossa. “Dal 24 agosto non sono più entrato nella zona rossa, perché guardo al futuro”, ha detto Pirozzi per spiegare la sua decisione di non accompagnare il principe Carlo nella zona più devastata dal terremoto. “Tornerò nel centro storico quando sarà ricostruito“. Pirozzi ha accompagnato a piedi il principe fino all’inizio di Corso Umberto I, da dove il reale ha proseguito la visita tra le macerie con il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. Poi è andato a visitare il Centro operativo intercomunale, dove operano le diverse istituzioni impegnate nella gestione dell’emergenza sisma e nella ricostruzione.

Dopo il terremoto del 24 agosto 2016, nel corso del quale hanno perso la vita 235 persone – tra cui anche tre cittadini britannici – solo ad Amatrice, la stessa regina Elisabetta aveva versato una sua donazione personale alla Croce Rossa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Budrio, barista ucciso. Trovate tracce ematiche forse del killer

next
Articolo Successivo

Papa Francesco in visita a Carpi: “Addolorato per la tragedia che ha colpito la Colombia”

next