La Fontana delle Anfore dell’architetto Pietro Lombardi, risalente al 1927, è il simbolo di Testaccio, storico rione del centro di Roma. E’ stata recentemente restaurata, durante l’amministrazione Marino riportata da piazza dell’Emporio, dove era diventata uno spartitraffico annerito, a piazza Testaccio.

Bene, dal sito della Questura di Roma si apprende che questo sarà il percorso del corteo di “Eurostop” previsto per sabato 25 marzo: “È stato definito in un clima di piena collaborazione, durante un incontro tenutosi in Questura con i promotori di Eurostop, il percorso del corteo che da piazza Porta San Paolo, lungo via Marmorata e via Luca della Robbia attraverserà il quartiere Testaccio, lungotevere Aventino ed arriverà a Bocca della Verità. Questo corteo partirà nel pomeriggio, dopo che la piazza sarà stata liberata dai partecipanti del corteo del Movimento federalista europeo, il cui concentramento è previsto alle 11 del mattino”.

C’è scritto che il percorso è stato definito “in un clima di piena collaborazione”. Rassicurante la foto di agenti con scudi, manganelli, caschi e maschere anti-gas.

L’idea di far passare le ottomila persone previste (anche fossero molte meno) dall’imbuto di via Luca della Robbia è un’assurdità a prescindere dal fatto che ci saranno manifestanti violenti o meno. Auguriamoci che tutti i manifestanti abbiano a cuore la tutela della Fontana delle Anfore e che il rione Testaccio, come tutto il resto della città, sia rispettato e adeguatamente protetto da chi ha deciso il percorso (in piena collaborazione).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Treviso, scopre che l’ex compagna è incinta e la uccide. Arrestato studente delle superiori

next
Articolo Successivo

Sciopero taxi, a Roma sputi e insulti verso colleghi che non hanno aderito

next