La stazione di Viareggio. La Casa dello Studente dell’Aquila. I campi della Terra dei Fuochi. L’aereo Dc9. Il traghetto Moby Prince. La scuola elementare di San Giuliano di Puglia. Un treno che sputa fuoco, una scuola che viene giù sui bambini, un aereo che esplode in volo. Cos’hanno in comune le tragedie italiane? I morti innocenti, la disperazione, le promesse di giustizia per tutti. Ma – su tutto – il peso della richiesta di verità che resta, tutto intero, solo sui familiari delle vittime. Mentre passano i mesi e poi gli anni, spariscono prima le tv, poi i giornali. L’opinione pubblica si dimentica, ricorda vagamente, si interessa fino a un certo punto. E soprattutto lo Stato, mentre passano i mesi e poi gli anni, nel migliore dei casi si allontana, fino a scomparire. Nel peggiore, sono pezzi di Stato che si mettono in mezzo, “impallano” la visuale, confondono le acque. La sete di verità resta solo ai parenti di chi non c’è più e non aveva colpa: soli, a chiedere giustizia, a incarnare – giorno dopo giorno – la purezza di chi vuole ancora cambiare le cose. E’ ciò che è successo a Viareggio. Oggi, dopo 140 udienze, il tribunale di Lucca leggerà la sentenza di primo grado del processo sul disastro ferroviario di Viareggio, 32 morti. La mattina dopo l’incidente, il 30 giugno 2009, le camionette delle tv di tutto il mondo avevano preso già il posto delle ambulanze. Una settimana dopo fu il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a presiedere i funerali di Stato. A cantare, allo stadio, c’era Andrea Bocelli. Quasi 8 anni dopo, di quel clamore, non c’è più nemmeno il ricordo.

Il disastro di Viareggio e le altre stragi di nessuno. “Lo Stato ci ignora, le tv spariscono: combattiamo noi per tutti”

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Altro che gattino sull’albero. Il salvataggio di questo cane ha coinvolto un Drago, quello dei vigili del fuoco

prev
Articolo Successivo

Strage di Viareggio, i familiari: “Condanne dimostrano che il sistema di sicurezza non funziona. Come diciamo da 7 anni”

next