Svanito nel nulla tra le strade di Barcellona, dopo essere rimasto fuori da una discoteca. Dalla notte tra il 30 e il 31 dicembre non si hanno più notizie di Andrea Freccero, 19 anni, studente di Albisola Superiore, provincia di Savona. Il ragazzo era partito il 28 dicembre per la Spagna insieme a un gruppo di circa 300 coetanei, per un viaggio organizzato dall’Associazione ScuolaZoo. La comitiva aveva prima fatto tappa a Lloret De Mar, cittadina sulla costa Brava, per poi spostarsi a Barcellona. La sera del 30 dicembre era prevista una serata alla discoteca Catwalk, dove però Andrea Freccero non era stato fatto entrare perché non aveva un abbigliamento consono. Da quel momento è scomparso: l’ultima segnalazione è stata fatta da un ragazzo italiano che lo avrebbe visto intorno alle 4 del mattino di fronte alla fermata dei taxi nelle vicinanze del Casinò.

andrea-frecceroI familiari hanno lanciato un appello su Facebook postando la sua foto e una descrizione. Una denuncia di scomparsa è già stata presentata alla polizia spagnola. La mamma e il fratello del ragazzo sono arrivati nella città catalana nella sera del primo gennaio, per seguire le ricerche in corso da parte delle forze dell’ordine e del consolato italiano. Al momento della scomparsa Andrea Freccero, alto circa un metro e ottanta e di corporatura robusta, indossava un paio di pantaloncini e una felpa. Come riporta Il Secolo XIX, qualcuno lo avrebbe visto incamminarsi verso la zona del porto. Poi del giovane, che era senza cellulare, si sono perse le tracce.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremoto, sequenza di scosse nel centro Italia: la più forte in provincia di Perugia

prev
Articolo Successivo

Catania, esplode palazzina, una donna e due bambini feriti. Forse fuga di gas

next