Bamboccioni, choosy, sfigati. Ignorati dalla politica e pure maltrattati. Ridicolizzati e offesi dai vertici ministeriali. E se decidono di andarsene, tanto meglio: “perché sicuramente questo Paese non soffrirà a non averli più fra i piedi”. A dimostrare che l’Italia è un Paese per vecchi è la politica, che prende in giro i giovani. E lo fa letteralmente, con dichiarazioni che provocano bufere mediatiche, sempre scuse tardive, mai le dimissioni. Si va da Padoa Schioppa alla Fornero, fino all’ultimo della lista. Per ora. È il ministro del Lavoro Giuliano Poletti che, parlando ai giornalisti, ha detto che chi “se 100mila giovani se ne sono andati dall’Italia, non è che qui sono rimasti 60 milioni di ‘pistola’”.

Da Padoa Schioppa a Poletti, i giovani offesi dalla politica: bamboccioni, choosy, sfigati. E precari

AVANTI

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fuga dei cervelli, il ministro Poletti dopo frase infelice: “Non mi dimetto”

next
Articolo Successivo

Milano, Sala: “So di avere agito sempre nell’unico interesse di Expo. Mai favorito nessuno”

next