Gentiloni regna, signoreggia e soverchia. Egli era, e resta, il sogno di noi tutti. Quindi la torcida inesausta, partita una settimana fa per festeggiare la salvezza della Costituzione dall’assalto dei bimbominkia della Morani & dei nonniminkia dei Carbone, può proseguire. Tra un corteo e l’altro, è d’uopo qualche considerazione.

1. Chi è Gentiloni? Sintesi sublime di Thomas Mackinson: “Rullo di tamburi per lui, un renziano più di fatto che di fede. Perché Gentiloni, 62 anni compiuti, è molte cose e nessuna: è blu, rosso, verde e bianco. Nobile di natali (conti Gentiloni Silverj) che militava però coi movimentisti lavoratori di Capanna e nel Partito di Unità Proletaria per il Comunismo; cattolico d’etichetta e formazione, poi co-fondatore della Margherita, ma abbastanza laico nello scegliere il fronte su Legge 40 e Pacs. In mezzo, un pedigree ambientalista ormai appannato e due incarichi da ministro piuttosto grigi. Davanti un grande ieri, come capo di un governo che nasce per morire insieme alla XVIIesima legislatura”.

2. Per la cronaca Gentiloni è anche uno che, quando va in tivù, ammazza lo share per via di quel suo carisma prossimo a un salice più depresso che piangente. I talkshow non vedono l’ora che il suo governo, peraltro non ancora nato, cada.

3. Non solo i talkshow. Anche le opposizioni, M5S e Lega in testa, vogliono le elezioni subito. Per il primo Gentiloni è l’avatar di Renzi, per la seconda ne è la copia sfigata. “Elezioni subito” non vuol dire niente, perché una legge elettorale va fatta subito. Oppure tocca aspettare la Consulta il 24 gennaio, e poi le motivazioni, e poi le correzioni che uniformino Camera e Senato. Quindi niente elezioni fino a maggio. O magari ottobre, altrimenti addio vitalizio.

4. Orfini, che non sembra ma è ancora vivo, ha detto oggi a Lucia Annunziata: “Questo governo non arriva a fine legislatura. Recepisce il risultato del referendum e ci porta alle elezioni”. Perfetto. Quindi, se lo ha detto lui, non sarà così e ci mentiranno ancora. Vamos.

5. Sempre Orfini ha detto che la minoranza del Pd avrebbe dovuto attenersi alla disciplina di partito. Su 47 articoli della Costituzione. E il bello è che era serio.

6. Ovviamente Gentiloni – brava persona, non si sa quanto bravo politico – è una propaggine di Renzi. O almeno Renzi crede così. Nel frattempo dentro il Pd continuerà la guerra intestina: i renziani oltranzisti (cioè il peggio della politica italiana) cercheranno di manovrare Gentiloni; gli oppositori cercheranno di logorare Renzi; i franceschiniani tenteranno di salvare il salvabile; e gli italiani staranno a guardare. Per il quarto governo consecutivo.

7. Più il governo dura e più Renzi e Pd fanno un favore a Lega e M5S. Questi ultimi continuano a chiedere le elezioni subito, ma in realtà più il govern(icchi)o dura e più loro crescono.

8. Renzi e Boschi avevano promesso non solo di dimettersi (per finta), ma di abbandonare la politica per sempre. Troppo bello per essere vero. Si dice anche che verrà confermata la Boschi: sarebbe sublime: una prova ulteriore di arroganza, e deficienza, politica. Più fanno così e più il paese li odia. Ma sono troppo supponenti , e troppo poco svegli, per capirlo.

9. Aumentano i voltagabbana tra politici (De Luca), giornalisti (Merlo), testimonial (Bottura) eccetera. Di colpo hanno scoperto che Renzi è arrogante e pure politicamente citrullo. Ovviamente, se Renzi tornerà in auge (e così sarà, perché vincerà elezioni, Olimpiadi, Champions League e Pallone d’oro), loro torneranno renziani. Agili, in scioltezza atarassica.

10. Il primo obiettivo di questo governo non è tanto la legge elettorale, ma una legge elettorale che saboti il M5S. Doveva esserlo anche l’Italicum, ma essendo stupidi hanno creato un troiaio che non è solo incostituzionale ma pure involontariamente pro-grillino. I 5 Stelle sono attorno al 30%, quindi il male minore per tutto il resto del Parlamento è partorire una fetecchia fortemente proporzionale. In questo modo il M5S sarà alle Camere come il PCI nei Settanta: tanto numeroso quanto sempre all’opposizione. Che poi, magari, è anche il sogno di molti 5 Stelle (governare è complicato).

Piccolo particolare: così facendo qualsiasi governo nato da un proporzionale più o meno spinto dovrà confrontarsi con una opposizione molto forte. E quindi dovrà vivacchiare. Renzi voleva il combinato disposto Schiforma-Italicum per tiranneggiare. Si ritrova invece odiato e con una legge elettorale che – qualsiasi essa sia – lo renderà bene che vada (per lui) vincente ma non vincentissimo. Senza maggioranze bulgare, drogate da abominevoli premi di maggioranza. Costretto quindi a mercanteggiare, a sopravvivere. Un eterno basso cabotaggio. Come un democristianicchio minore catapultato nella Prima Repubblica. Che è poi quel che è.

(P.S. E’ ancora torcida inesausta. Si vola)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Voltagabbana, renziani in fuga dal Titanic. Bottura, De Luca, Verdini e Carbone campioni del ripudio all’italiana

next
Articolo Successivo

Governo Gentiloni, il toto ministri: Alfano o Fassino per gli Esteri. Minniti per il Viminale. Ipotesi Pera in quota Verdini

next