Un chilo e mezzo di esplosivo che solo per un caso non è esploso. La miccia infatti si è spenta, e l’attentato, che avrebbe dovuto far saltare il cancello della casa della commissaria della Asl di Lanusei, Grazia Cattina, in via delle Sorgenti a Ilbono, è fallito. L’ordigno, composto da un tubo innocenti lungo 30 centimetri, è stato posizionato davanti all’abitazione della donna, alla periferia del paese, nel tardo pomeriggio in un orario dove la via è ancora molto trafficata e se fosse esploso avrebbe potuto far male.

I carabinieri della Compagnia di Lanusei indagano sull’accaduto e attendono gli accertamenti degli artificieri del comando provinciale di Nuoro arrivati in Ogliastra ieri notte. Saranno loro a dire per quale motivo la bomba non è esplosa: se per un difetto di confezionamento o perché voleva essere solo un avvertimento. A notare l’ordigno è stato il marito della dottoressa Cattina, Bruno Contu, primario dell’unità operativa di Nefrologia e dialisi all’ospedale di Lanusei, mentre usciva di casa intorno alle 18.30. La donna invece era fuori da qualche ora.

I due coniugi, professionisti molto conosciuti in Ogliastra, sono già stati sentiti dai militari che cercano di dare un nome e un volto ai responsabili dell’intimidazione. Grazia Cattina (Foto da Facebook), 56 anni, originaria di Ozieri (Sassari), è diventata commissaria dell’azienda sanitaria ogliastrina lo scorso agosto, prima di allora ha ricoperto il ruolo di direttore sanitario della Asl 4 di Lanusei. Ed è proprio attorno al ruolo professionale della donna che scavano in queste ore i Carabinieri, coordinati dalla Procura di Lanusei, che in nottata hanno ascoltato sia lei che il marito e hanno setacciato la zona alla ricerca di qualche elemento utile alle indagini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco: “Inaccettabile scartare le persone”. Oggi chiudono le porte sante

next
Articolo Successivo

Enzo Maiorca ci lascia, il recordman delle immersioni in apnea torna nel profondo blu

next