Le domande che Paolo Borrometi pone nel pezzo dedicato ai “mafiosi che lavorano in carcere” meritano, da parte delle autorità competenti, risposte immediate e precise. Per quale ragione i due capimafia hanno potuto ritrovarsi e promuovere i loro traffici da dietro le sbarre? Chi ha ritenuto di liberarli dal carcere duro?
Quante e quali sono le situazioni analoghe nelle carceri italiane? Da quanto tempo i due boss e i loro familiari avevano ricostituito la rete dei traffici?

Le domande poste da Borrometi non possono esser liquidate con sufficienza, anche perché vengono da un cronista costretto a una “vita blindata” perché lo Stato lo ritiene nel mirino dei mafiosi e dei corrotti. Le sue denunce, pubblicate sulla Spia.it, si sono sempre rivelate accurate, documentate, fondate su documentazioni verificate attraverso l’incrocio di molteplici fonti a cominciare dalle relazioni curate dagli inquirenti. Per questo meritano una risposta. Dal momento che Borrometi chiede anche ai media di non far cadere il silenzio sulla vicenda invitiamo a leggere la sua denuncia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cosa nostra, Totò Riina potrà incontrare il figlio in carcere. Familiari vittime Georgofili: “Mancanza di rispetto”

next
Articolo Successivo

Fiera Milano, commissariato ramo d’azienda. L’arrestato: “Cestini da 500/600 euro ai dirigenti”

next