Ilmessaggero.it pubblica in esclusiva il brutale pestaggio avvenuto il pomeriggio del 18 settembre scorso all’interno della metropolitana B di Roma ai danni di una donna e di suo figlio nei pressi della stazione di piazza Bologna. Il riepilogo dei fatti: due ragazzi accendono una sigaretta a bordo. Un uomo, 37 anni, si rivolge a loro dicendogli: “Qui non si fuma”. Poche parole che fanno scattare un diverbio violento, che degenera presto in un grave aggressione: i due fumatori iniziano a picchiare lui e la madre. Un’aggressione violenta che gli causa un trauma cranico, fratture alla scatola cranica e un’emorragia cerebrale. Per la donna, di 60 anni, varie contusioni e una prognosi di otto giorni. Grazie alla descrizione fornita da alcuni testimoni, dalle telecamere di sorveglianza e dalle stesse vittime li hanno rintracciati e due dei tre giovani sono stati fermati. Agli inquirenti, riporta Il Messaggero, hanno raccontato “di aver agito sotto l’effetto di droghe pesanti. Erano reduci da un rave party. Il gip Ezio Damizia, parlando di “volontà omicidiaria diretta”, ieri ne ha convalidato l’arresto, rilevando il rischio di reiterazione del reato”. Il filmato esclusivo è del fotografo Rino Barillari

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aldo Moro, celebrato al Quirinale il centenario della nascita. Mattarella: “Rifiutava manicheismo a vantaggio del dialogo”

prev
Articolo Successivo

Giancarlo Siani, un murales per chiudere una ferita

next