Lo hanno ribattezzato il “canalone killer” o “canalone dei veleni”. In origine doveva però essere una raccolta di acque bianche del consorzio Asi e del porto di Gioia Tauro. Da più di una settimana però versa in mare liquami che contengono sostanze altamente nocive e cancerogene come metalli pesanti e derivati de petrolio.
Il rischio è di un disastro ambientale a ridosso del porto commerciale più importante del Mediterraneo. Mentre la Procura di Palmi ha aperto un’inchiesta per individuare i responsabili, nel Comune di San Ferdinando è nato il comitato spontaneo “7 Agosto” che prende il nome dal giorno in cui la “macchia nera” è finita in mare. “Da quel canalone scende zinco, bario e mercurio. Abbiamo le analisi. – dicono gli attivisti del comitato che sta presidiando giorno e notte il tratto di spiaggia interessato dal disastro – Visto che non parliamo di depositi organici, parliamo di rifiuti che sono classificati come rifiuti speciali. Chiediamo l’intervento immediato delle istituzioni che fino ad ora sono stati latitanti. Non basta la somma di 170mila euro stanziati per i primi interventi”.
E ieri, sul posto, c’è stato il sopralluogo anche dell’assessore regionale all’Ambiente Antonietta Rizzo secondo cui “c’è da fare un intervento subito. Non c’è da aspettare nemmeno un’ora”. E sui responsabili saranno presi provvedimenti dalla Regione? “C’è la magistratura per questo – è la risposta dell’assessore -. A prescindere dalle responsabilità è più importante eliminare il pericolo imminenti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiumi in secca. E se cambiassimo stile di vita?

next
Articolo Successivo

Ambiente, contro lo spreco di plastica ‘porta la sporta’

next